Select Page

Vogliamo la verità su Giulio, ma anche su Scieri, Drago e gli altri

Vogliamo la verità su Giulio, ma anche su Scieri, Drago e gli altri

L’arresto, in Egitto, di Ahmed Abdellah, consulente della famiglia Regeni, apre un altro capitolo di una sempre più difficile relazione tra il nostro Paese e quello nordafricano, a seguito della responsabilità, dei depistaggi e delle bugie sulla morte di Giulio Regeni. La situazione si è fatta insostenibile e in Italia sono tanti a chiedere verità per Giulio. Onestamente, assistere a questa mobilitazione popolare, vedere ovunque striscioni, appelli, petizioni dà un po’ di sollievo. Perché è fondamentale non far calare minimamente l’attenzione sull’assassinio di questo giovane e bravo ricercatore, affinché si possa far luce e ottenere giustizia. Il governo italiano, pertanto, deve muoversi e agire con decisione, senza tentennamenti. Un’azione simile l’Italia dovrebbe intraprenderla anche nei confronti di se stessa, con riferimento ad alcuni gravi fatti della propria storia, più o meno recente, segnata da identici depistaggi, verità rimaste nascoste, ingiustizie impunite.

Sì, perché nell’indignazione giusta e sacrosanta per il caso Regeni e nei giudizi duri sull’apparato militare egiziano, c’è un riflesso beffardo e doloroso: quella stessa indignazione dovremmo provarla anche verso il nostro Paese e i nostri apparati militari. Quelli che negli anni si sono macchiati di violenze inaudite contro ragazzi e uomini innocenti, morti senza una ragione, scomparsi dal mondo delle proprie famiglie e dei propri amici senza un perché, lasciando strati di dolore che il tempo non riesce a lenire. Allora, accanto a Giulio, dovremmo metterci, ad esempio, anche Emanuele e Tony, uccisi dentro due caserme dell’esercito italiano. Due ragazzi preparati, allegri, con un futuro davanti che si è sbriciolato mortalmente dentro a una cortina misteriosa e invalicabile fatta di violenza, silenzi, contraddizioni, bugie. Due ragazzi che, a distanza di 15 anni l’uno dall’altro, hanno condiviso lo stesso atroce destino.

Emanuele Scieri e Tony Drago, per puro caso, condividevano anche il luogo di origine: Siracusa. Il primo era un avvocato in erba, partito per la cosiddetta “Naja”, la leva obbligatoria che un tempo costringeva i giovani a perdere un anno tra caporali e superiori esaltati. Dopo la laurea aveva la Folgore, i parà, ad attenderlo per ottemperare a quell’obbligo. Aveva 26 anni. Era sereno Emanuele. Lo era stato anche nella sua ultima telefonata. Sarà ucciso, dal nonnismo di assassini ancora ignoti, la notte del 13 agosto 1999. Il suo corpo verrà ritrovato sotto una torretta di asciugatura dei paracadute tre giorni dopo, il 16 agosto. In mezzo, tre giorni di indifferenza, omissioni, lacune, telefonate e manovre strane tra i responsabili della caserma Gamerra di Pisa. Tre giorni di silenzi. Che non sono mai finiti. Oggi, una Commissione parlamentare di inchiesta prova a riaprire un caso che da diciassette anni è sepolto dentro l’omertà dello Stato italiano e del suo esercito.

Tony Drago, invece, era un ragazzone di un metro e novanta che sognava di entrare in polizia, si era laureato in Scienze dell’Investigazione e aveva preso il brevetto di paracadutista. La leva obbligatoria ormai non esiste più, è stata abolita proprio dopo la morte di Scieri. Tony quindi si era arruolato volontariamente nell’esercito per inseguire il suo sogno di entrare poi in polizia. Aveva 25 anni. Lo hanno trovato morto il 6 luglio del 2014 nel cortile della caserma Sabatini di Roma. “Suicidio”, dicono subito l’esercito e i responsabili del suo reggimento. Alcuni commilitoni parlano di problemi con la sua ragazza e di depressione. Tutte cose già smentite. Esattamente come qualcuno aveva provato a fare con Emanuele 17 anni fa, anche nella vicenda di Tony parte subito la strategia per depistare e per deresponsabilizzare l’esercito, i “nonni”, gli assassini. Che rimangono sempre nell’ombra. Impuniti. 

Anche nel caso Drago ci sono molte contraddizioni, dettagli poco convincenti, lacune ampie, comportamenti strani da parte dei responsabili della caserma. Anche per lui, come per Emanuele, le condizioni del corpo e lo scenario del luogo del ritrovamento presentano delle anomalie incompatibili con il suicidio o con l’incidente. Tutte verità che giacciono tra i segreti inossidabili dell’apparato militare italiano. Segreti sulla prematura fine di giovani, quasi coetanei di Giulio, che probabilmente hanno visto la sofferenza e la violenza con i loro occhi prima di essere uccisi. Emanuele è rimasto in agonia per molte ore. Poteva essere salvato. Tony, chissà, magari anche lui scopriremo che non è morto subito, che si poteva salvare. Sono dolori immensi questi, ferite che non potranno mai cicatrizzarsi nel cuore di familiari e amici di questi giovani senza giustizia. La verità è l’unica cosa che potrebbe un minimo lenire la rabbia e tamponare il dolore.

Lo stesso vale per i casi di Stefano Cucchi, Riccardo Magherini, Giuseppe Uva e tanti altri che ancora non hanno ottenuto giustizia e i cui familiari sono costretti a sopportare l’infamia di assoluzioni discutibili, minimizzazioni o addirittura l’assenza di colpevoli. Per tutti loro dobbiamo chiedere verità. Dobbiamo pretendere che questa richiesta venga ascoltata, che la ricerca di queste verità sia affiancata a quella riguardante Giulio Regeni. Perché se nella vicenda del giovane ricercatore dobbiamo lottare con l’Egitto per poter ottenere giustizia, negli altri casi basterebbe spazzare via l’omertà dei nostri reparti militari e delle forze di polizia. Basterebbe intervenire rivelando ciò che fino ad ora è stato tenuto nascosto e denunciando i responsabili, i cui nomi, ne siamo certi, sono noti quantomeno ad alcuni generali o comandanti del nostro esercito e a funzionari dei nostri apparati di polizia.

Dovremmo dare il buon esempio, se vogliamo essere credibili nel pretendere la verità dagli altri. E di buon esempi, se si pensa anche ai famigerati fatti del 2001 a Genova, con le violenze e le torture alla scuola Diaz o alla caserma di Bolzaneto, storicamente ne abbiamo visti pochi. Se davvero vogliamo la verità su Giulio, dunque, dobbiamo chiederla con forza anche per quei casi nei quali i carnefici indossano la nostra divisa e nei quali i luoghi di tortura e morte sono le nostre caserme. Ecco perché sarebbe bello se si mettessero insieme, uno accanto all’altro, tutti gli striscioni che chiedono verità e giustizia: per Giulio, Emanuele, Tony, Giuseppe, Stefano, Riccardo e gli altri. Anche quelli di cui si parla meno o non si parla più.

Massimiliano Perna –ilmegafono.org

Autore

Massimiliano Perna

Sono un giornalista freelance, mi occupo da molti anni di immigrazione e diritti, ma anche di ambiente e mafia. Scrivere per me significa respirare e prendere posizione. Amo leggere e amo visceralmente la mia Sicilia e le opere di Pippo Fava. Ho un debole per le menti critiche che si coniugano con l'umanità e la semplicità. Disprezzo i razzisti e gli ipocriti e l'inerzia di chi potrebbe fare qualcosa ma non la fa. Sono il fondatore di questo sito, nato nel 2006, che oggi ha anche una web radio nella quale curo una trasmissione di approfondimento. I tempi sono bui e i silenzi troppi. Un megafono, sia esso di ferro, di righe e inchiostro o collegato a un mixer virtuale, può accendere qualche piccola luce. La mia speranza è di riuscire a tenerlo sempre acceso.

5 Commenti

  1. PIPPO QUATTROCCHI

    “U mortu nun parra”, recitava un vecchio proverbio siciliano, con il tuo articolo hai ridato la parola a tre giovani, che una mano vigliacca ed assassina ha fatto tacere, illudendosi, per sempre. Ridare la parola a chi è stata tolta è uno dei compiti fondanti e qualificanti della Tua professione, che hai sempre onorato !!!

    Rispondi
  2. VALENTINA DRAGO

    Ciao Massimiliano, ti ringrazio come sorella e a nome del Comitato “Verità per Tony” – grazie per esserti unito a noi nella ricerca della verità.

    Rispondi
    • Massimiliano Perna

      Grazie a te Valentina, è il minimo che potessi fare. In realtà è da tempo che dovrei occuparmi di questa vicenda. E credo che sia giunto il momento di farlo. Perché questa storia deve avere una verità diversa da quella che hanno mostrato quelli che hanno interesse a depistare e insabbiare. Come avvenuto per Emanuele, di cui mi sono occupato a lungo.

      Rispondi
  3. Rosaria Intranuovo

    buon pomeriggio, sono Rosaria Intranuovo , la mamma di Antoniono Drago. Condivido positivamente l’ articolo scritto da Massimiliano Perna. Io e Mia figlia Valentina Drago siamo state invitate all ‘universita’ di Catanzaro per una conferenza con i ragazzi della facolta’ di sociologia, grazie all ‘invito del prof. Charlie Barnao abbiamo parlato di mio figlio e quello che e’ successo. Proprio in questo contesto universitario abbiamo espresso e condiviso con gli studenti quello che che e’ stato scritto in questo articolo. Vorrei mettermi in contatto con Massimiliano Perna per ringraziarlo. Rosaria Intranuovo

    Rispondi
    • Massimiliano Perna

      Salve Rosaria, mi hanno avvisato solo adesso di questo suo commento. La ringrazio delle belle parole. Ho scritto solo quello che penso e con un po’ di senso di colpa, perché è da un bel po’ che dico che voglio occuparmi più da vicino anche del caso di Antonino, dopo essermi occupato a lungo di quello di Emanuele Scieri. Anche perché io sono siracusano e quando uscì la storia del suicidio non ci ho creduto nemmeno per un attimo. Sono a disposizione con i miei articoli per continuare a seguire il caso che ho già proposto anche al mensile nazionale Altreconomia, con cui collaboro e per cui ho seguito la vicenda Scieri. Se mi manda una mail a redazione@ilmegafono.org ci scambiamo i contatti. Grazie ancora per il suo messaggio. Una buona giornata. Massimiliano

      Rispondi

Trackbacks/Pingbacks

  1. Tony Drago, l’appello della mamma dopo la richiesta di archiviazione - il Megafono - […] appello della mamma alla vedova Provenzano I grillini di Pozzallo e la fobia del benpensante…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vignetta della Settimana

Musica Video

Loading...

Tweet Recenti