Select Page

La voce del rock negli Psychedelic Witchcraft

La voce del rock negli Psychedelic Witchcraft

Questa settimana vi regaliamo uno splendido gruppo. Una chicca rara rock per palati raffinati e buongustai. Lasciate perdere, niente di troppo concettuale, troppo ricercatamente di nicchia. Qui si fa sul serio, come altre volte su questi schermi. A musicarvi il sabato arrivano i Psychedelic Witchcraft, direttamente da Firenze. Nascono da un’idea di Virginia Monti, cantante (eccezionale e ve lo raccontiamo più avanti) e chitarrista. Il sentiero che seguono è avvolto nella nebbia del tempo e dei ricordi dei grandi maestri: Black Sabbath, Led Zeppelin, Jimi Hendrix, Cream, Coven, Leaf Hound, Trouble,  Iron  Butterfly,  Jefferson  Airplane.

La forza, per quello che ascoltiamo, è non esserne prigionieri. Sembrano, infatti, profondamente nuovi senza voler fare il verso o la cover moderna di nessuno. La trazione è quella che definiscono heavy psych, collocando il loro stile tra blues e  doom. I Psychedelic Witchcraft hanno pubblicato il loro EP di debutto, “Black Magic Man” – molto acclamato da critica e pubblico – ,nell’estate 2015, sotto l’egida di Taxi Driver Records. E proprio di “Black Magic Man” ci occupiamo.

Atmosfere rock senza derive caricaturali, trappola pericolosa per i gruppi che si cimentano in questo genere. Musica e sound perfetto, registrazione professionale e un buon mix di strumenti. Un bel gioco di squadra in cui la voce di Virginia trova l’ambiente giusto per spiccare e regalare emozioni.

Passiamo alle canzoni. Angela è veramente un pezzo straordinario, con il suo groove e con la voce di Virginia Monti che è semplicemente perfetta, meravigliosamente rock, meravigliosamente trascinante. Una voce che viene veramente da un altro tempo nella capacità di trasmettere emozioni con una musica classicamente rock. Anche Lying on Iron è una splendida ballata che sa cogliere la modernità nel loop degli strumenti pizzicati. Black Magic Man l’avrebbe potuta cantare Robert Plant, ma senza il calore che questa voce perfetta sa trasmettere.

Non siamo i primi a cui piace. La  prima  stampa  dell’edizione  limitata  in  vinile  10”  è  andata  sold  out  molto velocemente e ora band ed etichetta annunciano l’uscita di una ristampa per la fine di febbraio: un’edizione  limitata  in  vinile  colorato  12”,  con  nuova  copertina curata dall’artista inglese Matt Wilkins, e una bonus track, The Dark Lord, un brano del 1969 dei Sam Gopal, band psichedelica inglese in cui suonava un giovane Lemmy Kilmister.

Penna Bianca -ilmegafono.org 

Autore

Manuele Foti

Laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni, diplomato in pianoforte presso il Conservatorio "F.Cilea" di Reggio Calabria, ho studiato chitarra elettrica per molti anni e sono un aspirante compositore. Mi piace etichettarmi musicalmente come un punto di convergenza tra sacro e profano, alla continua ricerca di nuove espressioni sonore all'interno di qualsiasi genere musicale. Redattore al servizio della musica (e non solo) dalla provincia di Reggio Calabria, "a caccia" di talenti emergenti della scena italiana e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vignetta della Settimana

Musica Video

Loading...

Tweet Recenti